Multa illegittima se il tempo del gratta e sosta è finito

Auto-Parcheggio-strisce-blu-ImcAuto parcheggiata all’interno di uno spazio delimitato dalle strisce blu. Parcheggio regolarmente pagato, ma i minuti passano e l’automobilista ritardatario si ritrova ad avere un debito di pochi centesimi perché il ticket a pagamento della sosta è scaduto. Ma prima dell’automobilista arriva il vigile, che lascia una bella multa sul parabrezza. Eppure non potrebbe, come hanno sancito numerosi giudici di pace in tutta Italia, ultimo in ordine cronologico a Lecce.

Il comma 6 dell’articolo 157 del Codice della strada stabilisce: “Nei luoghi ove la sosta è permessa per un tempo limitato è fatto obbligo ai conducenti di segnalare, in modo chiaramente visibile, l’orario in cui la sosta ha avuto inizio. Ove esiste il dispositivo di controllo della durata della sosta è fatto obbligo di porlo in funzione.”

Non si parla, però, di eventuali ritardi. Nel Marzo del 2010 un parere tecnico-legale emanato dal Ministero delle Infrastrutture (Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione e i sistemi Informativi e Statistici- Direzione Generale per la Sicurezza Stradale-Divisione II. Prot. 25783) a firma dell’ingegner Sergio Dondolini ha spiegato: “Se la sosta viene effettuata omettendo l’acquisto del ticket orario, deve essere necessariamente applicata la sanzione… Se invece viene acquistato il ticket, ma la sosta si prolunga oltre l’orario di competenza non si applicano sanzioni ma si dà corso al recupero delle ulteriori somme dovute, maggiorate dalle eventuali penali stabilite da apposito regolamento comunale, ai sensi dell’art. 17 c. 132 della legge n. 127/1997. A parere di questo Ufficio in caso di omessa corresponsione delle ulteriori somme dovute, l’ipotesi prospettate da codesto Comune, di applicare la sanzione di cui all’art. 7 c. 15 del Codice, non è giuridicamente giustificabile, in quanto l’eventuale evasione tariffaria non configura violazione alle norme del Codice, bensì una inadempienza contrattuale, da perseguire secondo le procedure jure privatorum a tutela del diritto patrimoniale dell’ente proprietario o concessionario… “.

Quindi se il ticket è scaduto non può esserci multa, in quanto la norma non lo prevede. Mentre il parere ministeriale diventa vincolante (a differenza delle sentenze dei giudici di pace che non costituiscono giurisprudenza in senso stretto).